Laura Vicenzi
bassanonet.it
Pubblicato il 16-10-2016 07:41
in Tradizioni | Visto 1.434 volte
 

MADEinNOVE

Aperta e visitabile fino a domenica 13 novembre, alla Chiesetta dell'Angelo, una mostra dedicata alla nuova arte della ceramica novese

MADEinNOVE

JAN (Carlo Stringa)

Una nuova esposizione dedicata alla ceramica è aperta e visitabile in questi giorni alla Chiesetta dell’Angelo.
Un altro capitolo delle mostre ceramiche di artisti novesi che si sono svolte nell’ultimo biennio si amplia in una proposta nuova, ideata da un gruppo di cinque ceramisti giovani ma già consapevolmente esperti non solo delle tematiche specifiche e della lunga storia della ceramica novese, ma portatori di nuove ricerche e nuove esperienze, intenti a esplorare il mondo complesso e affascinante della ceramica locale avvalendosi dei valori della tradizione, ma aprendosi a nuove e inedite sperimentazioni nelle forme e nelle cotture.
Il gruppo “MADEinNOVE”, formatosi in modo autonomo nel 2002 e da allora continuativamente attivo, è formato da Marco Bolzenhagen, berlinese di nascita, portatore di una formazione metropolitana e multiculturale ma tecnicamente cresciuto in terra novese, che si esprime in linguaggi ceramico-pittorici. Seguono i cognomi locali che attestano il legame con le tradizionali manifatture familiari: Andrea Dal Pra, sperimentatore, come tutto il gruppo, di una inedita cottura a legna a cielo aperto per sculture di grandi dimensioni in sito e di cotture in forno a choc termico; Marco Maria Polloniato, il coordinatore culturale del gruppo, le cui opere, spesso di grandi dimensioni, comunicano meditazione e concretezza con particolare attenzione ad elementi di natura fantasticamente rivisitati; Paolo Polloniato, che usa principalmente forme in terraglia bianca reinterpretate su modelli originali già Antonibon e successivamente decorate con “capricci” desunti dal contemporaneo; Carlo Stringa, continuatore della tradizione di famiglia, che approfondisce tecniche diverse e si dedica a cotture sperimentali con fuoco a legna all’aperto secondo la tecnica introdotta a Nove da Friedrick Olsen nel 2003 alla quale il gruppo dei giovani novesi apportò una importante variante operativa nella cottura.
Mostre ed esposizioni, visite o lavoro in aziende, ma soprattutto il contatto con ceramisti d'esperienza, sono il territorio umano con cui il gruppo si confronta con passione.
Mostra nuova e da vedere per ammirare tecniche diverse dai procedimenti consueti, ma soprattutto per capire quali forze capaci e seriamente impegnate si vadano ora affermando in "terre limitrofe".
L’esposizione, organizzata dall’Assessorato alla Cultura e dal Civico Museo a cura di Flavia Casagranda, in collaborazione col gruppo espositore, sarà visitabile fino al 13 novembre nei giorni venerdì, sabato e domenica, dalle ore 15 alle ore 19. L’ingresso è libero.