Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 29-08-2019 17:13
in Attualità | Visto 485 volte
 

La Circostanza

Arriva Opera Circus, la nuova sezione circense di Operaestate Festival. Dal 13 al 15 settembre al Castello degli Ezzelini tre serate con la magia del circo contemporaneo e dei suoi artisti

La Circostanza

Cadute dalle Nuvole in 'Gleam'

Venghino siori, venghino. È ai blocchi di partenza Opera Circus - Incanti dal mondo, la prima edizione della nuova sezione che Operaestate Festival Veneto dedica al circo contemporaneo. Acrobati, equilibristi, giocolieri, clown, artisti di strada e tutto quanto fa arte circense tutti concentrati, nello spazio di tre giorni, al Castello degli Ezzelini.
Una quindicina di artisti e compagnie provenienti da diverse parti del mondo trasformeranno così il maniero medievale in una sorta di mondo incantato, comprensivo però anche di mercatino e di punti ristoro di street food.
Accadrà da venerdì 13 (alla faccia dei superstiziosi) a domenica 15 settembre, con orario continuato dalle 18 alle 24.
Il circo contemporaneo, fenomeno emergente anche in Italia, che nulla ha a che vedere con gli elefanti di Moira Orfei, fonda il suo modo di essere sulla capacità tecnica e artistica dei suoi interpreti e sull'approccio “popolare” con pubblici di ogni target e di ogni genere. Attraverso linguaggi artistici espressi in forme diverse: sotto lo chapiteau (il classico tendone), in teatro, nei festival all'aperto, sulla strada. Il programma della tre giorni bassanese, curato dal coordinatore del Forum Nuovi Circhi - FNAS Aurelio Rota, si propone di allestire tre serate di festa e di spettacolo di qualità, con importanti compagnie di circo contemporaneo, ma anche di teatro di figura, di teatro-circo e di musica dal vivo.
Il tutto diffuso in 6 postazioni principali di spettacolo, dove si alterneranno i vari artisti, e in altri 9 punti spettacolo distribuiti lungo il percorso del camminamento del Castello.
Inoltre ogni sera, a partire dalle 21.15, andrà in scena sul palco del Teatro all'aperto Tito Gobbi una rappresentazione speciale.
Venerdì 13 sarà la volta di “Leonardo e la colomba” una co-produzione di OperaEstate insieme alle compagnie Pantakin e La Baracca dei Buffoni, spettacolo di circo-teatro ispirato al genio di Leonardo Da Vinci, di cui ricorre il cinquecentesimo dalla morte. 

Sabato 14 toccherà invece all’artista tedesco Jörg Müller, autorevole rappresentante del panorama europeo del circo contemporaneo, che con “Mobile”, mette in scena un suggestivo spettacolo dove danza e giocoleria, con giochi di fasci di tubi metallici, si intrecciano con la scienza. Prima di lui salirà sul palco la Compagnia Zenzero e Cannella (Cie ZeC), un duo dalle straordinarie abilità tecniche che si destreggia nell’acrobatica mano a mano e nella giocoleria.
L’ultimo spettacolo sul palco del Teatro all’aperto Tito Gobbi, domenica 15 settembre, sarà invece quello proposto dai The Black Blues Brothers: cinque acrobati dal Kenya con un’energia e una forza incredibili, che lasceranno il pubblico a bocca aperta con il loro salti, le piramidi umane e le loro acrobazie, parodiando i personaggi del famoso film.

Tante e diverse le compagnie che si alterneranno nelle postazioni della piazza del Castello. Ci saranno i Gera Circus, un duo che esplora l’equilibrismo su corda rigida e delle acrobazie aeree; gli esilaranti clown del Circo Pacco; il trio di giocolieri-musicisti di Teatro Necessario, comici e impacciati; Brunitus, artista virtuoso del “diabolo”, evoluzione giocolieresca dell'antico yo-yo cinese. E ancora le Cadute dalle Nuvole, duo di acrobate aeree con il cerchio; Lannutti e Corbo con uno spettacolo tra l’acrobatica e la magia comica; Bubble on Circus con un suggestivo spettacolo di bolle di sapone; la musica da festa dei Zaraf ed il Gimmigiamma Dj Show. Infine, il sabato e la domenica la compagnia Eventi Verticali presenta Wanted, originale spettacolo di acrobatica verticale che vede due acrobati interagire “in verticale” con un cartoon proiettato su un maxi schermo.
Ma il venghino siori, venghino si estende anche al camminamento di ronda, dove altri artisti si alterneranno sulle 9 postazioni e lungo il cui percorso sarà pure allestita una mostra fotografica di Renato Roberti che scandaglia il mondo degli artisti circensi e di strada. 
Il pubblico verrà invitato a scoprire questo lato “nascosto” del Castello Degli Ezzelini, accompagnato da piccole esibizioni di artisti di vario genere.
Ci saranno El Bechin, con le sue marionette; Lucia Schierano con la baracca di Burattini; L’Ile Flottante impegnata a “vendere” le meraviglie del circo, come gli imbonitori d’altri tempi; il poeta Silvestro Sentiero, che compone poesie personalizzate; il cabaret musicale di Pepino Sasofone e Fedele Ukulele; la musica della Cilena Romina Concha e dei Gipsy Caravan. 
Non mancheranno inoltre gli spazi dedicati alla cartomante d’altri tempi e ai colori per truccabimbi.
E non finisce qui: perché dal 19 al 29 settembre ci si sposterà in Villa Angaran San Giuseppe dove sarà montato lo chapiteau del Circo Paniko.
Quanto costerà assistere a cotanta meraviglia? L’ingresso al Castello prevede un biglietto giornaliero di € 8 per gli adulti e € 2 per bambini fino a 12 anni. Per gli spettacoli al Teatro del Castello è richiesta la prenotazione ed è previsto un biglietto di ingresso di € 2 che si sommano all’ingresso in Castello (info e prenotazioni Biglietteria di Operaestate tel. 0424 524214/519811, tutto il programma su www.operaestate.it).
A chi è interessato a trascorrere una serata al Castello in allegria, assistendo a spettacoli in grado di stupire e di divertire un pubblico di qualsiasi età, non resta quindi che approfittare della Circostanza.