Marco Polo
bassanonet.it
Pubblicato il 01-10-2017 16:41
in Calcio | Visto 499 volte
 

Tre punti di sofferenza

Vittoria pesante come il piombo per il BV! Minesso sblocca e decide su punizione una partita complicatissima. Ben tre le espulsioni. Partita rognosa.

Tre punti di sofferenza

(foto Claudia Casarotto)

BASSANO – ALBINOLEFFE 1-0

Bassano Virtus (4-3-2-1): Grandi 6,5; Andreoni 6, Pasini 6, Bizzotto 6, Karkalis 6,5 (st 41’ Stevanin sv); Salvi 6, Botta 5,5, Laurenti 6,5 (st 41’ Bianchi sv); Minesso 7 (st 31’ Fabbro 6), Venitucci 5; Diop 5 (st 13’ Grandolfo 6).
A disp. Falcone, Piras, Proia, Barison, Gashi, Bortot, Tronco. All. Magi

UC Albinoleffer (3-5-2): Coser 6; Zaffagnini 6 (st 44’ Ravasio sv), Gavazzi 5, Scrosta 6; Gonzi 6,5, Agnello 6, Sbaffo 6 (st 31’ Gelli 6) x, Giorgione 7, Cortellini 6,5 (st 17’ Zucchetti 6); Sibilli 5 (st 1’ Mondonico 6), Kouko 5 (st 17’ Colombi 6).
A disp.: Esposito, Guso, Nichetti, Coppola. All. Alvini.

ARBITRO: Longo di Paola
RETI: st 21’ Minesso (BV)
NOTE: -
SPETTATORI:
AMMONITI: Bizzotto, Pasini, Giorgione
ESPULSI: Gavazzi, Venitucci, Scrosta
ANGOLI: 7-2
RECUPERO: pt 3’; st 5’

Bassano del Grappa. Giuseppe Magi va predicando da metà luglio che in serie C bisogna adattarsi a mangiare pane secco. La partita del Mercante contro l’AlbinoLeffe è la classica sfida difficile, ostica, rognosa. Specie considerando che gli ospiti riescono ad entrare prima e meglio in partita e conducono le danze per quasi trentacinque minuti. Eppure al Soccer Team basta un'accelerata per creare più scompiglio in area avversaria rispetto al possesso piuttosto sterile degli avversari. E devono ringraziare Minesso che porta dalla parte del Bassano l’episodio che determina la partita. Scrosta per fermarlo si becca il secondo giallo, in precedenza sono espulsi Venitucci e Gavazzi colpevoli di fallo di azione e reazione a palla lontana, dal conseguente calcio di punizione il numero 10 non dà scampo a Coser. Il progetto giallorosso si arricchisce di un altro importante tassello. I tre punti migliorano una classifica già bella e infondono nuovo coraggio, consapevolezza, forza al nuovo corso. Mercoledì è in programma la trasferta di Fermo, domenica si torna al Mercante. Chi ben comincia...

Con sofferenza. L’ AlbinoLeffe fa la sua partita fin dal fischio d’inizio. Prende possesso del centrocampo, dove schiera cinque elementi contro i tre, quattro quando ripiega Minesso, giallorossi. Gioca in ampiezza con manovrati cambi di gioco, chiude ogni spazio concedendo al Bassano spesso solo il lancio lungo e in generale sembra avere le idee più chiare sul cosa fare e più determinazione nel farle. Il Soccer Team sembra ancora più timoroso di quello visto a Bolzano. Il film della partita fino al 35’ del primo tempo non è emozionante per i bassanesi. Di positivo c’è che nonostante il predominio territoriale netto gli ospiti non abbiano creato praticamente nessun pericolo. Poi all’improvviso una fiammata sulla sinistra grazie ad un Minesso oggi leader tecnico dei suoi. Poco prima Magi aveva spostato proprio il trequartista di Piazzola sul Brenta a sinistra e abbassato Venitucci. L’AlbinoLeffe si salva per un pelo, Gavazzi e Venitucci, due gomitate del primo e schiaffo del secondo, vengono espulsi. L’inerzia è per il Bassano, fino all’intervallo e alla ripresa del gioco sono i padroni di casa a condurre il gioco. I ritmi sono più alti e al 21’ Minesso spacca la partita. Acquisito il vantaggio e con l’uomo in più, dieci contro nove, i ragazzi di Magi migliorano solo un po’ nella gestione della palla e faticano a ripartire. Per gli ospiti ci sono solo un paio di palle inattive.

Sala stampa. Vincere certe partite, non brillando e dopo un primo tempo di quasi esclusiva sofferenza, può essere un segnale. Significa che il Bassano non ha motivo di giocare timoroso. Significa che ha le qualità per far girare la partita a proprio favore anche nelle domeniche storte con la giocata di un singolo. Significa che la strada intrapresa è quella giusta e bisogna avere fiducia, slancio ed entusiasmo per seguirla. Giuseppe Magi a fine partita ammette di non aver visto un gran bel Bassano ma si gusta lo spirito di sacrificio che hanno mostrato i suoi nel momento di maggior pressione dell’AlbinoLeffe. Anche le zero palle gol concesse sono un dato che fa sorridere: “Tre punti d'oro ottenuti contro una squadra in salute e messa benissimo tatticamente. Solo un gesto tecnico di un singolo poteva decidere la partita. Loro ci hanno messo in difficoltà perché sono bravi e molto organizzati. La gestione dopo l’uno a zero? Con l'uomo in più e in vantaggio dovevamo gestirla meglio, non ci piove. C’erano gli spazi per ripartire e non ci abbiamo quasi mai provato. D’altra parte la vittoria premia il gran lavoro che i ragazzi fanno durante la settimana e per il cuore che mettono in campo. Quando l’AlbinoLeffe era padrona del campo non abbiamo mollato un cm. Dopo le espulsioni loro hanno avuto un momento di sbandamento mentre noi ci siamo riorganizzati molto bene. La trasferta di Fermo? Affrontiamo questa partita con entusiasmo. Ogni partita in serie C è equilibrata quindi per rompere questo equilibrio e portare a casa punti ci vogliono caparbietà, voglia di vincere, coraggio, mentalità”.

    Ultimora

    Il progetto che conta

    Attualità | 1 giorni e 0 ore fa

    Pronto ma non Soccorso

    Attualità | 1 giorni e 4 ore fa

    Giochiamo al lotto

    Benessere | 2 giorni e 3 ore fa

    Assicura BassanoRobert CapaFondazione Pirani

    Editoriali

    La voce del pavone

    La voce del pavone

    Alessandro Tich | 6 giorni fa

    Il "Tich" nervoso Parla il pavone fotografato ieri in mezzo alle macchine in via Remondini a Bassano

    Più visti

    1

    Pronto ma non Soccorso

    Attualità | Visto 2160 volte

    2

    Black Tuesday

    Cronaca | Visto 1562 volte

    4

    Ma che bei Macachi

    Attualità | Visto 976 volte

    5

    Dimmi la post-verità

    Attualità | Visto 854 volte

    Assicura BassanoFondazione PiraniRobert Capa