ELEZIONI
Alessandro Tich
bassanonet.it
Pubblicato il 16-03-2017 21:29
in Cronaca | Visto 978 volte
 

Coltivazione in casa di marijuana: due arresti dei Carabinieri di Lusiana

I Carabinieri della Stazione di Lusiana hanno tratto in arresto, nel pomeriggio di ieri,
L.D.L. di anni 33 e T.L. di anni 45, soggetti del Basso Vicentino, per coltivazione di sostanza stupefacente del tipo “marijuana”.
I Carabinieri di Lusiana avevano notato negli ultimi tempi diversi movimenti sospetti nella zona di Gomarolo di Conco, inquadrando personaggi non legati agli abitanti locali. A questo si andava a sommare una serie di segnalazioni di privati cittadini circa un’abitazione in affitto a persone sconosciute, da cui provenivano forti luci nell’arco notturno.
Avuto sentore di possibile commissione di reati, i Carabinieri della Stazione di Lusiana, coadiuvati dal Nucleo Operativo e Radiomobile di Bassano del Grappa, hanno posto in essere un complesso servizio di osservazione e controllo dell’abitazione di Gomarolo dalla notte fra il 14 e 15 marzo.
I risultati non si sono fatti attendere: i Carabinieri hanno difatti visto una coppia di persone entrare nella casa verso le ore 10, oltre a percepire, dopo l’apertura dello stabile, un fortissimo odore di marijuana.
Raccolti questi elementi i Carabinieri di Lusiana hanno effettuato un repentino blitz nell’abitazione, bloccando i due soggetti nell’atto di effettuare operazioni di coltivazione di marijuana.
Lo scenario presentatosi ai Carabinieri vedeva una casa su tre piani completamente adibita a serra per la coltivazione intensiva della marijuana: elementi temporizzati per irrigazione, luminescenza ed aerazione, nonché per il controllo del Ph del terreno.
In tutto sono stati sequestrati oltre 3 kg di marijuana pronta per lo spaccio, 70 piante adulte pronte per il taglio ed altri 100 vasi pronti per successive coltivazioni.
I calcoli dei Carabinieri portano a credere che la struttura potesse ospitare sino a 300 piante, per una produzione di almeno 10 kg per ciclo di crescita, potendo forse giungere anche a 50 kg all’anno.
Gli arrestati sono associati ai domiciliari in attesa di convalida, su disposizione del Pm dr.ssa Brunino.
I Carabinieri di Lusiana hanno così inferto un altro colpo pesante alla criminalità dedita allo spaccio di stupefacenti. In corso ulteriori indagini per ricostruire la catena criminale.