Pubblicato il 03-06-2013 19:19
in Meteo | Visto 3.088 volte

Primavera 2013, la seconda stagione più piovosa degli ultimi 90 anni

Maggio meno piovoso solo di Novembre 2010. Temperature più fredde degli ultimi 6 anni. Solo 91, 04 e 06 più freddo degli ultimi 3 mesi.

Primavera 2013, la seconda stagione più piovosa degli ultimi 90 anni

Brenta in piena il 17 maggio, a soli 20 cm dall'esondazione in Via Pusterla. Solo Novembre 2010 peggio.

Resoconto mensile meteorologico per Bassano del Grappa. Verranno di seguito analizzati tutti i parametri meteorologici del mese di Aprile 2013, Maggio 2013, e la Primavera 2013 paragonati alle medie di riferimento del passato.

Maggio 2013

Precipitazioni, 2° mese più piovoso della storia degli ultimi 90 anni

359,9 mm. Secondo mese più piovoso della storia dal 1924 ad oggi: davanti solo Novembre 2010 di soli 23 mm. Battuti tutti i record dei primi 10 mesi dell'anno della storia.
Battuto il record di Marzo 2013 di 21 giorni di pioggia su 31 (accumuli giornalieri over 1 mm). Giorno più piovoso 16 maggio con 101,5 mm
Rispetto le medie siamo sopra di almeno 250 mm, quindi in media del 64%. Precedente record di 303 mm di maggio 2007.

Temperature, sottomedia

16,3°C. Sottomedia di -0,8°C con i dati del 1961-90, ma rispetto le altre medie degli ultimi 20 anni il gap raggiunge i -2,3°C ed addirittura -3°C rispetto i dati degli ultimi 5.
Lontano il record del 1994 con ancora due gradi in meno.
I maggiori scarti li osserviamo nelle medie delle temperature massime con scarti negativi dai 2 ai 3 gradi, più contenute le minime.
Record della temperatura media minime e massime (stessi anni) dal 2004 e terzo solo al dato più basso dal 1991 .
Temperatura massima: 27,4°C. Terzo dato più basso dopo 2006 e 2004 (25,8)
Temperatura minima: 6,8°C. Terzo dato più basso dopo 2004 e 2006 (4,8)
Curiosità solo 4 anni fa si raggiungeva la media delle temperature massime di 27°C: quest'anno solo 1 volta oltre i 27°C.

Progressive da inizio anno

Precipitazioni, al 70% annuale dopo soli 5 mesi

1007 mm. Record dal 1924 come anno più piovoso della storia di ben 115 mm in più (dato del 1941). Gli scarti rispetto le medie da gennaio a maggio si piazzano dal 50 al 60% in più.

Temperature, leggero sopramedia

+0,6°C è lo scarto positivo con i dati dal 1961-1990. In tutte e altre le tre serie il dato è in sottomedia: 1991-2012 -0,5°C, 2008-2012 -1,5°C, 1949-2012 0,0°C


Primavera 2013

Temperature in media

12,8°C. Dati pressochè simili alla media di riferimento principale 61-90 (+0,2°C). Il dato passa in territorio negativo con i dati degli ultimi 5 e 20 anni e nella storia dal 1949. Anche qui maggiore scarto delle temperature medie massime da 0 a -3°C. Medie delle Minime leggermente più alte. Imbattibile la primavera del 1970 ancora più fredda di due gradi.
Dagli anni 2000 è la quarta primavera più fresca dopo il trittico 2004 (11,6), 2005, 2006. Quinto posto dal 1990.

Precipitazioni, record storico

796 mm. Seconda stagione più piovosa della storia di Bassano del Grappa: solo novembre 2010 è risultata più piovosa (920 mm). Gli scarti con le medie sono dal 50 al 65%. Ultimo record di pioggia in Primavera il 1937 con 593 mm, quindi scarto di 200 mm.
Record storico assoluto per numero di giornate piovose: 58 giorni su circa 90. L'unica stagione con cui si comparare realmente questo dato è Autunno 2010: 34 giorni su circa 90.

Aprile 2013

Precipitazioni, sopramedia

148 mm. Scarti dal 20 al 30% positivi rispetto le medie di riferimento.

Temperature, sopramedia

14,1°C. Mese piuttosto mite con lo scioglimento veloce della neve a tutte le quote. Il trend è negativo per i dati degli ultimi 5 anni, ma tutto il resto dei dati a nostra disposizione il mese di Aprile è risultato più caldo tra 1 e 2°C.

Nota Bene
I dati di riferimento sono scelti con le seguenti modalità: dal 1921 al 2007 dati della stazione ARPAV di Bassano del Grappa, dal 2007 al 2012 dati della stazione "Nord" dell'Associazione Meteotriveneto di Bassano del Grappa.

    Bassanonet TV

    Libertà è Parola

    Libertà è Parola: "Italia digitale: nessuno sia lasciato indietro"

    L’Italia, un paese che, come tutti, si è dovuto “scoprire” digitale per rispondere all'emergenza. Oggi, di fronte ad un futuro che nasconde...

    Più visti